Il nostro sito Web utilizza i cookie. Utilizzando il nostro sito e accettando le condizioni della presente informativa, si acconsente all'utilizzo dei cookie in conformità ai termini e alle condizioni dell’informativa stessa.

"Si Viene La Muerte”

Days
Hours
Minutes
Seconds
In Programma: Dom 07 Luglio alle Ore 21:00 - Fino alle Ore 23:00
Categorie: Concerti
Visite: 287

Il 7 luglio alle 21.00, sempre presso i Giardini Ravino, Rodriguez, Gentien e Lauth-Karson presenteranno poi il nuovo album "Si Viene La Muerte”, frutto del loro progetto Engine, di cui è possibile ascoltare già alcuni brani tramite il sito www.theengineproject.com da cui accedere ai vari social su cui sono presenti. La band è venuta a Forio per la prima volta l'estate scorsa. Il workshop e il concerto del 2018, hanno nutrito bisogni profondi dei partecipanti, entusiasmato e commosso. A breve una nuova occasione per lasciarsi permeare dalle loro performance in cui alternano e fondono ritmi afro-latini, note blues, attitudine rock e spirito flamenco. 

Alejandro Tomás Rodriguez: Alejandro Tomás Rodriguez è un attore laureato in Teoria dell’Arte. È stato un membro centrale dell’Open Program Workcenter of Jerzy Grotowski and Thomas Richards diretto da Mario Biagini (2007-2015). Ha insegnato in diverse università prestigiose in Europa, America e Asia come Stanford University, Yale University, York University, the University of New Mexico, the Shangai Theater Academy, A.R.T.A New York University, the University of Toronto e the Théâtre National de Bretagne. Ha recitato un ruolo chiave nella creazione degli spettacoli dell’Open Program: I am America, Electric Party Songs, Not History’s Bones – a Poetry Concert, The Nightwatch, The Hidden Sayings. È anche il direttore artistico della compagnia di teatro Casa Talcahuano di Buenos Aires.  Attore, cantante e chitarrista autodidatta ha sviluppato il suo lavoro musicale basandosi sulla sua grande esperienza sulla scena.

 
 Robin Gentien: Robin Gentien è un musicista parigino, laureato in Filosofia. È stato il leader e il compositore di diverse funk bands a Parigi, ha suonato anche per diversi musicisti africani come Fatou Yakar (Senegal) e Ousmane Kalil Kouyate (Guinea). A Parigi, è anche stato membro del duo blues Robespierre, insieme al cantante e armonicista Pierre Lauth-Karson. Robin è un abile chitarrista che miscela groove, blues, ritmi latini e colori del West Africa. Quando si è aggregato al Wokcenter in Italia nel 2012, ha cominciato una fruttuosa collaborazione con Alejandro dentro agli spettacoli del Workcenter, per i quali ha girato il mondo per più di quattro anni. Questa complicità artistica poi ha cominciato a svilupparsi oltre la struttura del Workcenter, dando vita a ENGINE. Gli piace anche collaborare ad altri progetti eclettici e ha preso parte a registrazioni in studio per album con La Gracia (Argentina) e Vitoru Kinjo (Brasile). Ha anche composto la musica per la performance Si tu n'étais pas de marbre per la compagnia teatrale francese Hippocampe.


Pierre Lauth-Karson: Pierre Lauth-Karson è un cantante e armonicista Franco-Americano laureato in traduzione audiovisiva. Ha imparato a suonare l’armonica insieme a musicisti come Greg Zlap, Pascal  “Bako” Mikaelian e Sébastien Charlier. A Parigi, ha suonato per musicisti africani come Fatou Yakar e Ousmane Kalil Kouyate con Robin Gentien. È anche uno dei musicisti principali del cantautore francese Adrien Regard ed è membro del coro gospel The Voice of Freedom come cantante e armonicista. Nonostante le sue radici blues, Pierre ama fondere la sua armonica con vari stili musicali. Dopo aver condiviso il palco con Robin in molti progetti, in particolare con il duo di blues Robespierre, ha preso parte a vari concerti del tour ENGINE Winter Road. Nel novembre 2016, è entrato a far parte di ENGINE a Buenos Aires.

Rodriguez, Gentien e Lauth-Karson stanno collaborando insieme in una serie di sforzi creativi, inclusa la loro performance originale, ENGINE.


­