Tel. +39 081 333 47 74
Alfred Rittmann, vita e teorie di uno scienziato innovatore: la conferenza all’Antoniana

Alfred Rittmann, vita e teorie di uno scienziato innovatore: la conferenza all’Antoniana

Ven 01 Ottobre alle Ore 18:30 - Ven 01 Ottobre alle Ore 20:02
Categorie: Cultura
Visite: 249
Ischia – La Biblioteca Comunale Antoniana dedica un pomeriggio di studi ad Alfred Rittmann. A tracciare la figura di questo scienziato innovatore sarà il dott. Daniele Musumeci direttamente dall’Università degli Studi di Catania.
Svizzero di nascita (Basilea, 23 Marzo 1893), Alfred Rittmann nel Paese d’origine compì gli studi laureandosi in Scienze Fisiche e Chimiche. Dopo il dottorato e un periodo di specializzazione in Europa presso i maggiori petrografi e mineralogisti dell’epoca, Rittmann viene assunto a Napoli dall’Istituto Friedlander. In questo periodo (1926-1934) avrà modo di studiare attentamente il Vesuvio, i Campi Flegrei e Ischia, proponendo nuove ipotesi e originali interpretazioni che lo consacreranno a brillante studioso. Ritornato in Svizzera per qualche anno, insegnerà negli anni ’40 per poi trasferirsi in Italia una seconda volta per compiere studi di geologia applicata; questi saranno seguiti da un periodo egiziano negli anni ’50, nel quale riprenderà l’insegnamento universitario. Presidente dell’Associazione Internazionale di Vulcanologia per tre mandati consecutivi (1954-1963), ritorna in Italia nel 1958, rimanendovi fino alla morte (19 Settembre 1980). La sede prescelta per la terza sosta in Italia sarà Catania, ai piedi dell’Etna, dove sarà professore di Vulcanologia e direttore dell’Istituto Vulcanologico universitario. Fin dal 1960 riuscirà a costruire, grazie all’aiuto di colleghi e allievi – spiccano i nomi di H. Tazieff e G. Marinelli - un Istituto Vulcanologico di rilevanza internazionale che ancora oggi è uno dei più importanti al mondo. Gli sono attribuite 180 pubblicazioni, una decina di esse sono ampie monografie di notevole importanza.
Padre della vulcanologia contemporanea novecentesca, la sua novità teorica consiste nell’impostare interdisciplinarmente la suddetta disciplina: lo studio dei magmi (magmatologia), dei movimenti della crosta terrestre (tettonica) e dell’attività vulcanica (vulcanologia stricto sensu) costituirà la nuova impostazione vulcanologica presente dagli anni ’30 fino ad oggi.
La conferenza è a ingresso libero con prenotazione obbligatoria mandando una mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. oppure telefonando allo 081 3333255.
Green pass e mascherina obbligatoria.
 
 
Daniele Musumeci è dottorando in Scienze dell’interpretazione presso il Dipartimento di Scienze Umanistiche dell’Università degli Studi di Catania. Il suo campo di ricerca riguarda la storia della Terra e, in particolare, la vulcanologia del Ventesimo secolo con un focus specifico sulla figura di Alfred Rittmann. Negli ultimi anni si è anche occupato delle interazioni tra l’ermeneutica filosofia e la filosofia delle geoscienze. Attualmente le sue ricerche sono indirizzate alla comprensione dell’evoluzione degli studi vulcanologici in relazione ai grandi mutamenti paradigmatici che hanno attraversato le geoscienze nello scorso secolo, dalla Deriva dei Continenti alla Tettonica delle Placche.